Clavicembalo- Silvia Rambaldi

Dal 20 Agosto al 26 Agosto

Costo del Corso: 380,00€

Il corso comprende le seguenti materie:
– 6 Lezioni a sezioni o individuali giornaliere
– Lezioni di gruppo con altri strumenti barocchi
– Saggi e concerti finali
Si potranno frequentare facoltativamente senza prezzi aggiuntivi i corsi di gruppo gratuiti o uno o più corsi complementari a pagamento (vedi sezione Come funziona).

È possibile inoltre partecipare al corso (con costo aggiuntivo) di Canto Gregoriano tenuto dalla M° Rambaldi

I corsi sono pensati per creare un percorso di studio completo, con un ritmo intenso ma che lascia spazio a momenti ricreativi. È comunque possibile creare pacchetti personalizzati con più o meno ore e prezzi adeguati alle esigenze del singolo studente, concordandoli direttamente con il direttore Artistico Rita Marchesini.
Scrivi a castellucciomusicaenatura@gmail.com

Biografia

Silvia Rambaldi, diplomata cum laude in clavicembalo presso il Conservatorio G. B. Martini di Bologna dopo aver compiuto gli studi di pianoforte, è stata docente di clavicembalo, clavicordo, basso continuo e improvvisazione presso i Conservatori di Musica di Campobasso, Trieste, Ferrara, Padova e Bologna. Perfezionatasi in basso continuo con Jesper Christensen, ha tenuto Masterclass presso l’Università di Ferrara, l’Accademia di musica di Malmö in Svezia, il Politecnico (ESMAE) di Oporto in Portogallo e i Conservatori di Cosenza e Campobasso; ha tenuto corsi e seminari per Enti e Associazioni, insegnando attualmente nei corsi estivi ‘A Castelluccio tra musica e natura’. Svolge attività concertistica come solista, con varie formazioni cameristiche e orchestrali, in Italia e all’estero (Turchia, Spagna, Svezia, Giappone, Francia). Ha effettuato registrazioni per la RAI, la NHK giapponese ed è membro di giurie di concorso nazionali ed internazionali. Ha curato l’edizione moderna del manoscritto musicale seicentesco Libro di fra Gioseffo da Ravenna per le edizioni dell’Associazione Clavicembalistica Bolognese. Ha svolto attività musicologica, ricerche ed esecuzioni di danza storica (Ricostruzione del “Balletto della Duchessa” con Barbara Sparti e Laura Fusaroli Pedrielli, Atti del Convegno Perception and reception of early dance, 2018); con cantanti e musicologi, ha dato vita al Concerto segreto, formazione che si dedica all’esecuzione e alla registrazione (Madrigali per Laura Peperara, Tactus) del repertorio madrigalistico tardo rinascimentale ferrarese.
Per Tactus ha registrato, come solista: Variationi e partite di Bernardo Pasquini, Libro di fra Gioseffo da Ravenna(entrambi vincitori del Premio dalla Critica Discografica Tedesca 1999/1 e 2002/2) e Le sonate per il clavicembalo di Antonio Ferradini; con il controtenore Tadashi Miroku: Madrigali diminuiti e passaggiati tra voce e cembalo, L’armonia della Sirene, cantate amorose, di G. B. Bassani e Ariette op. VI di Barbara Strozzi che ha vinto il premio speciale “Heavy Rotation” della rivista giapponese Record Gheigiutsu (Arte dei dischi, febr. 2012). Il CD è stato scelto dal musicologo Akira Mizutani come uno dei 5 migliori dischi del 2011. In duo con Andreina Di Girolamo ha inciso le Sonate per clavicembalo a quattro mani di W. A. Mozart e le Sonate con basso numerato di Domenico Scarlatti. Le elaborazioni per due tastiere delle sonate di Scarlatti (CD Tactus) – proposte anche nel concerto-spettacolo ‘Scarlatti e il flamenco’ (DVD Tactus, con Rita Marchesini, danza, e Alberto Rodriguez, chitarra) – sono in corso di pubblicazione. Con il flautista Daniele Salvatore ha fondato il gruppo Armonia delle sfere con cui ha registrato le Arie Musicali di Girolamo Frescobaldi, le Produzioni armoniche di Antonia Bembo, (CD Tactus, con la partecipazione di Gloria Banditelli), le sonate per flauto di Francesco Mancini (esecuzione premiata dalla rivista Musica con 5 stelle, Novembre 2020) e i Quartetti di Paisiello. Con Carlo Mazzoli – con cui ha costituito un duo che presenta musiche per pianoforte storico a 4 mani – ha registrato l’integrale dei Duetti di Muzio Clementi (CD Tactus). Ha collaborato dal 2009 col Museo di S. Colombano – Collezione Tagliavini di Bologna. Si è dedicata allo studio e all’interpretazione del canto gregoriano, dirigendo l’’Ensemble gregoriano Oratorio S. Cecilia di Bologna’.